WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Statuto

Statuto del Comitato Italiano per l'IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della natura)

Premessa

RICONOSCENDO che la conservazione della natura e delle sue risorse implica la salvaguardia e la gestione del mondo circostante, dimora naturale dell'uomo, e delle risorse rinnovabili della terra, fondamento di tutte le civiltà;

SOSTENENDO che la protezione e la conservazione della natura e delle sue risorse rivestono una importanza essenziale per tutti i popoli,

CONSIDERANDO lo Statuto ed il Regolamento dell'Unione Mondiale per la Conservazione della natura (IUCN - World Conservation Union) e, in particolare, la Parte VII dello Statuto e la Parte VI del Regolamento che indicano le modalità di formazione e funzionamento dei Comitati Nazionali (IUCN Statutes and Regulations: Statutes Part VII and Regulations Part VI, The National and Regional Committees and Regional Fora);

CONSIDERANDO i criteri per il riconoscimento dei Comitati Nazionali dell'IUCN, così come indicati nel documento IUCN National Committees, Application for Council Recognition;

I membri del Comitato Italiano per l'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (di seguito il Comitato Nazionale IUCN), riuniti a Roma, il 21 marzo 2005, hanno rinnovato il loro impegno a sostegno delle finalità suesposte e hanno adottato il presente statuto.

I - Statuto Giuridico
1. Il Comitato è costituito nella forma di coordinamento tra i soggetti italiani membri dell'IUCN secondo le procedure indicate nel presente statuto, ed in conformità con lo Statuto ed il Regolamento dell'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura.

II - Finalità
2. Compito generale del Comitato è sostenere l'attività dell'IUCN nel conseguimento della sua missione internazionale, sia per gli obiettivi di conservazione della natura in Italia sia per il contributo che l'Italia dà o può dare alla conservazione della natura nel mondo.
3. In particolare il Comitato si impegna a:

  • a. facilitare la comunicazione e la collaborazione tra l'IUCN ed i suoi membri italiani;
  • b. assistere l'IUCN (intesa come Commissioni, Segretariato Internazionale, strutture regionali ed altri organismi) per conseguire i suoi obiettivi in Italia, inclusa la ricerca di sostegno per il programma internazionale;
  • c. contribuire all'elaborazione di posizioni, raccomandazioni, risoluzioni, documenti dell'IUCN, facilitando l'apporto del punto di vista e delle competenze dei membri italiani in tutte le sedi appropriate, dai Gruppi regionali all' Assemblea Generale ed al Congresso Mondiale sulla Conservazione;
  • d. diffondere e promuovere in Italia, in tutte le sedi opportune, posizioni, raccomandazioni, risoluzioni e documenti dell'IUCN;
  • e. promuovere e comunicare la strategia italiana per la conservazione della natura, in armonia con la missione dell'IUCN, in collaborazione anche formale con altre organizzazioni nazionali non membri dell'IUCN o sezioni italiane di organizzazioni internazionali;
  • f. diffondere e rendere disponibile nelle sedi opportune le conoscenze, i pareri e le competenze che il Comitato sarà in grado di esprimere, grazie all'attività svolta per e nell'IUCN in materia di conservazione della natura e sviluppo sostenibile;
  • g. promuovere eventi, manifestazioni, progetti che contribuiscano all'attuazione della missione dell'IUCN.

III - Membri
4. Il Comitato è composto da tutte le organizzazioni governative e non governative che sono membri effettivi (full) o affiliati (affiliate) dell'IUCN e che decidono liberamente di aderirvi.
5. Organizzazioni che dovessero in futuro aderire all'IUCN saranno invitate ad aderire anche al Comitato dal momento in cui la loro adesione sarà approvata dall'Assemblea Generale dell'IUCN.
6. Ciascuna organizzazione membro indicherà il nominativo di una persona demandata a rappresentarla negli organi del Comitato.

IV - Organizzazione
7. Sono organi del Comitato:

  • a. l'Assemblea Generale
  • b. Il Consiglio
  • c. il Presidente
  • d. il Vice-Presidente
  • e. il Segretariato Generale
8. Potranno costituirsi Commissioni e/o Gruppi di lavoro tematici.

V - Assemblea Generale
9. L'Assemblea Generale è costituita da tutti i membri del Comitato.
10. Si riunisce almeno una volta l'anno.
11. L'Assemblea Generale:

  • a. elegge il Presidente, il Vice-Presidente e il Consiglio;
  • b. assume le posizioni ufficiali del Comitato;
  • c. decide il piano di lavoro per l'anno;
  • d. approva la relazione annuale presentata dal Presidente;
  • e. laddove necessario, formula proprie raccomandazioni;
  • f. laddove richiesto, designa rappresentanti del Comitato negli organismi istituzionali dell'IUCN o altri enti;
  • g. approva eventuali proposte di modifica del presente Statuto.
12. Alle riunioni dell'Assemblea partecipano gli esperti residenti in Italia o di nazionalità italiana che sono Funzionari dell'IUCN o Consiglieri Regionali o Consiglieri cooptati o Presidenti di Commissioni dell'IUCN o Presidenti dei Gruppi Specialistici o Membri dei Comitati direttivi o componenti delle Commissioni. Alle riunioni è invitato a partecipare il Direttore Generale dell'IUCN o un Ufficio Delegato.
13. Le decisioni sulle attività da svolgere, sulle posizioni di assumere e sul funzionamento del Comitato saranno, di norma, prese per consenso. Nel caso non fosse possibile trovare il consenso, le decisioni saranno assunte con votazione a maggioranza semplice. Ogni membro del Comitato avrà il diritto di dissentire dalle decisioni assunte e richiedere che questo sia reso noto nel verbale della riunione.
14. Su decisione del Comitato, possono essere invitati a partecipare alle riunioni dell'Assemblea anche membri delle Commissioni IUCN e organizzazioni o persone non membri del Comitato.

VI - Il Consiglio
15. Il Consiglio è costituito dal Presidente, dal Vice-Presidente e da cinque altri membri eletti, a maggioranza semplice, dall'Assemblea Generale.
16. I membri del Consiglio restano in carica due anni e sono rinnovabili.
17. I compiti del Consiglio sono:

  • a. assicurare l'attuazione delle attività decise dall'Assemblea Generale;
  • b. assumere decisioni con carattere di urgenza che non consentano di attendere una assemblea dei membri, sottoponendole alla successiva assemblea per ratifica;
  • c. assistere il Presidente ed il Vice-Presidente nella valutazione dell'opportunità di convocare ulteriori riunioni su temi specifici richieste dai membri dell'Assemblea Generale.

VII - Il Presidente
18. Il Presidente resta in carica due anni ed è rinnovabile. Il mandato avrà inizio e fine con la riunione annuale dell'Assemblea Generale.
19. Nell'elezione del Presidente, l'Assemblea Generale potrà adottare un principio di rotazione tra i membri.
20. Sono compiti del Presidente:

  • a. presiedere l'Assemblea Generale;
  • b. convocare almeno una volta l'anno l'Assemblea Generale;
  • c. convocare eventuali altre riunioni, su temi specifici, a richiesta dei membri dell'Assemblea Generale;
  • d. firmare per conto del Comitato posizioni e comunicazioni concordate nelle riunioni dei membri o nel Consiglio;
  • e. svolgere il ruolo di riferimento del Comitato nei confronti dell'IUCN;
  • f. elaborare una "relazione annuale" sulle attività del Comitato e inviarla, dopo approvazione dei membri, all'IUCN.

VIII - Vice-Presidente
21. Il Vice-Presidente sostituisce il Presidente in caso di assenza e può assumere, su delega, le funzioni proprie del Presidente e, in particolare:

  • a. rappresentare il Comitato nelle sedi nazionali e internazionali;
  • b. fare dichiarazioni a nome del Comitato;
  • c. firmare gli impegni a nome del Comitato;
  • d. coordinare le attività del segretariato generale.

IX - Segretariato Generale
22. Il segretariato è affidato, in via permanente, alla Federparchi.
23. Sono compiti del Segretariato:

  • a. garantire il corretto funzionamento e il coordinamento delle attività del Comitato;
  • b. dare attuazione al programma di lavoro, approvato dall'Assemblea Generale;
  • c. dare supporto ai membri del Comitato nei loro rapporti con l'IUCN;
  • d. svolgere, d'intesa con il Presidente e il Consiglio, ogni qualsivoglia altra azione e attività necessarie al miglior perseguimento delle finalità del Comitato.

X - Risorse finanziarie e oneri di funzionamento
24. Le risorse finanziarie necessarie per il buon funzionamento del Comitato e del Segretariato e per lo svolgimento delle attività istituzionali discendono da contributi pubblici e privati, donazioni, raccolta di fondi ed eventuali quote associative dei membri.
25. Le spese di partecipazione alle assemblee e alle altre iniziative del Comitato saranno sostenute da ciascun partecipante. Eventuali rappresentanti delegati a rappresentare il Comitato in riunioni e gruppi di lavoro nazionali e internazionali dovranno coprire autonomamente le spese relative.

XI - Sede
26. Il Comitato Nazionale ha la propria sede a Roma nella sede legale della Federparchi.

XII - Emendamenti allo Statuto
27. I membri del Comitato possono proporre emendamenti al presente Statuto.
28. Gli emendamenti allo Statuto possono essere proposti all'Assemblea Generale:

  • a. dal Consiglio, che può fare proprie le richieste di emendamento dei membri del Comitato;
  • b. da almeno 5 membri del Comitato, a condizioni che queste proposte siano pervenute al Segretariato Generale non più tardi di ventiquattro giorni prima dell'Assemblea Generale.

XIII - Clausola finale
29. Le decisioni del Comitato non comporteranno impegni formali dell'IUCN a sostenerne eventuali costi, oneri o responsabilità.

XIV - Entrata in vigore
30. Il presente statuto entra in vigore il 21 marzo 2005.