WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Callogorgia verticillata


Non ApplicabileCarente di DatiMinor PreoccupazioneNTVulnerabileIn PericoloIn Pericolo CriticoEstinta nella RegioneEstinta in Ambiente SelvaticoEstinta

Tassonomia

RegnoPhylumClasseOrdineFamiglia
ANIMALIACNIDARIAANTHOZOAALCYONACEAPRIMNOIDEA

Nome scientificoCallogorgia verticillata
Descrittore(Pallas, 1766)

Informazioni sulla valutazione

Categoria e criteri
della Lista Rossa
Quasi Minacciata (NT)
Anno di pubblicazione 2014
AutoriMarzia Bo, Carlo Cerrano, Giuseppe Corriero, Giorgio Bavestrello, Eva Salvati, Roberto Sandulli
RevisoriLeonardo Tunesi
CompilatoriEva Salvati, Marzia Bo, Carlo Rondinini, Alessia Battistoni, Corrado Teofili
RazionaleAd oggi, sebbene non siano disponbili dati circa il ciclo vitale di questa specie, stime indirette basate sul declino della qualità dell'habitat e sui danni meccanici inflitti alle colonie, indicano un declino delle popolazioni di almeno il 20%, per queste ragioni la specie è valutata Quasi Minacciata (NT), avvicinandosi al criterio A2c.

Areale Geografico

DistribuzioneSpecie segnalata lungo tutte le coste dei mari italiani ad eccezione dell'Alto Adriatico.

Popolazione

PopolazioneSi ritiene che circa il 20% delle popolazioni italiane note mostri ampi segni di declino e danneggiamento.
Tendenza della popolazioneIn declino

Habitat ed Ecologia

Habitat ed EcologiaSpecie distribuita tra 100 e 600m di profondità su fondali rocciosi anche di estensione limitata, arborescente di grandi dimensioni (oltre 1 m di altezza) le cui popolazioni sono naturalmente frammentate in patch distribuiti in base alle potenzialità della dispersione larvale ed alla diisponibilità di fondi duri. Non sono disponibili dati sul ciclo vitale di questa gorgonia, ma, in considerazione del fatto che è una specie tipicamente profonda e con scheletro carbonatico, si ritiene che sia una specie longeva a crescita lenta. Forma vaste praterie nel circalitorale profondo e sulle secche rocciose del largo, prevalentemente su fondali pianeggianti e altamente sedimentati. Le colonie ospitano una ricca fauna associata. La specie ha uno scheletro molto fragile almeno nelle porzioni più periferiche.
AmbienteMarino
Profondità
(metri sotto il livello del mare)
Min: 100 m
Max: 600 m


Minacce

Principali minacceQuesta specie, in virtù del suo scheletro fraile, mostra immediatamente i segni dell'impatto della pesca, in particolare quella svolta tramite palamiti sulle secche profonde sulle quali vive. Dal confronto morfometrico di colonie tra siti impattati e non emerge come la size ratio venga dimezzata a causa dell'impatto meccanico degli attrezzi persi e non.

Misure di conservazione

Misure di conservazioneDa Dicembre 2013 inserita nell'Annesso II del Protocollo SPA-BIO della Convenzione di Barcellona.

Bibliografia

Aguilar, R., Pastor, X., García, S., & Marín, P. (2013), Importance of seamount-like features for conserving mediterranean marine habitats and threatened species. OCEANA

Angeletti, L., Taviani, M., Canese, S., Foglini, F., Mastrototaro, F., Argnani, A., ... & Poliseno, A. (2013), New deep-water cnidarian sites in the southern Adriatic Sea. Mediterranean Marine Science.

Bo, M., Bava, S., Canese, S., Angiolillo, M., Cattaneo-Vietti, R., & Bavestrello, G. (2014), Fishing impact on deep Mediterranean rocky habitats as revealed by ROV investigation. Biological Conservation pp. 167-176

Bo, M., Bertolino, M., Borghini, M., Castellano, M., Harriague, A. C., Di Camillo, C. G., ... & Bavestrello, G. (2011), Characteristics of the mesophotic megabenthic assemblages of the Vercelli seamount (North Tyrrhenian Sea). PlosOne n.(2)

Bo, M., Canese, S., Spaggiari, C., Pusceddu, A., Bertolino, M., Angiolillo, M., Giusti, M., Loreto, M.F., Salvati, E., Greco, S., and Bavestrello, G. (2012a), Deep coral oases in the South Tyrrhenian Sea. PlosOne

Bo, M., Cerrano, C., Canese, S., Salvati, E., Angiolillo, M., Santangelo, G., & Bavestrello, G. (2013), The coral assemblages of an off-shore deep Mediterranean rocky bank (NW Sicily, Italy) Marine Ecology

Cairns, S. D., & Bayer, F. M. (2002), Studies on western Atlantic Octocorallia (Coelenterata: Anthozoa). Part 2: The genus Callogorgia Gray, 1858. Proceedings of the Biological Society of Washington, n.(4) pp. 840-867

Carpine, C., Grasshof, M. (1975), Les gorgonaires de la Méditerraneé. Bulletin de l'Institut Océanographique de Monaco pp. 1-140

Carreiro-Silva, M., Braga-Henriques, A., Sampaio, I., de Matos, V., Porteiro, F. M., & Ocaña, O. (2011), Isozoanthus primnoidus, a new species of zoanthid (Cnidaria: Zoantharia) associated with the gorgonian Callogorgia verticillata (Cnidaria: Alcyonacea). ICES Journal of Marine Science: Journal du Conseil n.(2) pp. 408-415

Durán Muñoz, P., Sayago-Gil, M., Patrocinio, T., Gonzalez-Porto, M., Murillo, F. J., Sacau, M., ... & Gago, A. (2012), Distribution patterns of deep-sea fish and benthic invertebrates from trawlable grounds of the Hatton Bank, north-east Atlantic: effects of deep-sea bottom trawling. Journal of the Marine Biological Association of the United Kingdom n.(07) pp. 1509-1524

Giusti, M., Bo, M., Bavestrello, G., Angiolillo, M., Salvati, E., & Canese, S. (2012), Record of Viminella flagellum (Alcyonacea: Ellisellidae) in Italian waters (Mediterranean Sea). Marine Biodiversity Records pp. e34

Marin, P., & Aguilar, R. (2012), 5.1 Mediterranean Submarine Canyons 2012: Pending Protection. Mediterranean Submarine Canyons

Mastrototaro, F., D'Onghia, G., Corriero, G., Matarrese, A., Maiorano, P., Panetta, P., Gherardi, M., Longo, C., Rosso, A., Sciuto, F., Sanfilippo, R., Gravili, C., Boero, F., Taviani, M., and Tursi, A. (2010), Biodiversity of the white coral and sponge community off Cape Santa Maria di Leuca (Mediterranean Sea): un update. Deep Sea Research II pp. 412-430

Raimundo, J., Vale, C., Caetano, M., Anes, B., Carreiro-Silva, M., Martins, I., ... & Porteiro, F. M. (2013), Element concentrations in cold-water gorgonians and black coral from Azores region. Deep Sea Research Part II: Topical Studies in Oceanography pp. 129-136

Sampaio, I., Braga-Henriques, A., Pham, C., Ocaña, O., De Matos, V., Morato, T., & Porteiro, F. M. (2012), Cold-water corals landed by bottom longline fisheries in the Azores (north-eastern Atlantic). Journal of the Marine Biological Association of the United Kingdom n.(07) pp. 1547-1555

Sampaio, Í., Porteiro, F. M., Braga-Henriques, A., Catarino, D., Tempera, F., Matos, V., & Ocaña, O. (2009), Azorean Deep-water coral communities as perceived from bottom long-line fishery surveys. In ICES International Symposium«Issues Confronting the Deep Oceans.

Serrano, A., Sánchez, F., Cartes, J. E., Parra, S., Gómez-Ballesteros, M., Preciado, I., & Frutos, I. (2009), Vulnerable habitats and threatened species distribution of El Cachucho deep sea MPA. In ICES International Symposium" Issues Confronting the Deep Oceans" Session E-Fisheries and Ecosystem Sustainability and Conservation.

Tursi, A., Mastrototaro, F., Matarrese, A., Maiorano, P., & D'onghia, G. (2004), Biodiversity of the white coral reefs in the Ionian Sea (Central Mediterranean). Chemistry and Ecology pp. 107-116


Cerca nella Lista Rossa:
(genere, specie o nome comune...)