WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Chondrostoma soetta


Non ApplicabileCarente di DatiMinor PreoccupazioneQuasi MinacciataVulnerabileENIn Pericolo CriticoEstinta nella RegioneEstinta in Ambiente SelvaticoEstinta

Tassonomia

RegnoPhylumClasseOrdineFamiglia
ANIMALIACHORDATAOSTEICHTHYESCYPRINIFORMESCYPRINIDAE

Nome scientificoChondrostoma soetta
DescrittoreBonaparte, 1840
Nome comuneSAVETTA

Informazioni sulla valutazione

Categoria e criteri
della Lista Rossa
In Pericolo (EN) A2ce
Anno di pubblicazione 2013
AutoriPier Giorgio Bianco, Vincenzo Caputo, Venera Ferrito, Massimo Lorenzoni, Francesco Nonnis Marzano, Fabrizio Stefani, Andrea Sabatini, Lorenzo Tancioni
RevisoriUZI
CompilatoriCarlo Rondinini, Alessia Battistoni, Valentina Peronace, Corrado Teofili
RazionaleViene valutata In Pericolo (EN) secondo il criterio A sulla base di una riduzione della popolazione del 50% in 3 generazioni (15 anni), per il declino nella qualità dell'habitat e per la predazione e competizione con specie alloctone; la sua distribuzione inoltre è severamente frammentata. Ulteriore minaccia è l'inquinamento genetico dovuto all'introduzione di individui provenienti da popolazioni alloctone (Naso).

Areale Geografico

DistribuzioneSubendemismo padano del Nord Italia. La specie ha un areale ristretto, dall'Italia settentrionale e alla Svizzera meridionale. Nel Lazio segnalata nel fiume del Turano, Salto, Tevere, Lago di San Giovanni Incarico. Presente anche in alcuni laghi artificiali dell'Appennino Tosco-Emiliano e del Lazio. In Umbria è presente nel Tevere e nel suo affluente Nera. E' stata introdotta in alcuni laghi italiani, nel bacino dell'Arno e in altri fiumi toscani. L'introduzione della specie in Italia centrale è dovuta spesso all'errato riconoscimento di P. genei a causa delle similitudini tra queste due specie.

Popolazione

PopolazioneL'andamento della popolazione risulta differente nelle diverse zone di distribuzione. La specie sta diventando piuttosto rara nei laghi dell'Italia settentrionale e Svizzera (Lugano, Maggiore, Como, Iseo, Garda) soprattutto a causa delle interazioni con specie aliene, come Rutilus rutilus, che fu introdotto nel 1990 circa ed è oggi piuttosto comune e oggetto di pesca commerciale in questi laghi (Bianco pers. Comm.). Viene trovata raramente anche nei fiumi ed è quasi del tutto scomparsa nei principali tratti del bacino del Po; negli altri fiumi forma delle popolazioni molto piccole e la riproduzione avviene in poche zone per ciascun fiume. Forte regressione in tutto il Piemonte ed in Lombardia, specialmente nel tratto medio ed inferiore dei principali corsi d'acqua (Adda, Ticino). Nel 2011, è stata rinvenuta anche in una facies lentica del fiume Tevere, nella Riserva Naturale Regionale Tevere Farfa di Nazzano (RM) (Sarrocco et al. 2012).
Tendenza della popolazioneIn declino

Habitat ed Ecologia

Habitat ed EcologiaE' una specie lacustre che vive in acque profonde ma viene trovata anche nei grandi fiumi. In primavera migra dai laghi verso gli affluenti per la riproduzione.
AmbienteAcqua dolce

Minacce

Principali minacceAlterazione dell'habitat dovuta a canalizzazioni e costruzione di sbarramenti; inquinamento genetico dovuto all'introduzione di individui provenienti da popolazioni alloctone (Naso); predazione da specie alloctone; pesca eccessiva e non controllata.

Misure di conservazione

Misure di conservazioneElencata in appendice II della direttiva Habitat 92/43/CEE e in appendice III della Convenzione di Berna.
Lista Rossa del Po: la Savetta è Minacciata (EN).

Bibliografia

AA VV (2006), Monitoraggio della fauna ittica in Piemonte. Direzione Pianificazione delle Risorse Idriche. , Torino. Regione Piemonte. pp. 150+xvi

AA VV (2007), Carta provinciale delle Vocazioni Ittiche Provincia di Milano

AA VV (2008), Revisione della Carta Provinciale delle Vocazioni Ittiche della Provincia di Cremona. , Provincia di Cremona. ARPA Lombardia.

Bianco, P.G. (1995), Mediterranean endemic freshwater fishes of Italy. Biological Conservation n.72: pp. 159-170

Bianco, P.G. (2002), Pesci Rete Ecologica Nazionale. Un approccio alla conservazione dei vertebrati italiani.Boitani L., Corsi F., Falcucci A., Maiorano L., Marzetti I., Masi M., Montemaggiori A., Ottaviani D., Reggiani G., Rondinini C.Ministero dell'Ambiente,Direzione per la Conservazione della Natura,Istituto di Ecologia Applicata, Università di Roma "La Sapienza" Dipartimento BAU

Bianco, P.G., Ketmaier, V. (2001), Anthropogenic changes in the freshwater fish fauna in Italy with reference to the central region and Barbus graellsii, a newly established alien species of Iberian origin. Journal of Fish Biology n.59: pp. 190-208

Crivelli, A.J. (2006), Chondrostoma soetta. : IUCN 2012. IUCN Red List of Threatened Species. Version 2012.1. n.Downloaded on 25 July 2012.

Durand, J.D., Bianco, P. G., Laroche, J., Gilles, A. (2003), Insight into the origin of endemic Mediterranean ichthyofauna . Phylogeography of Chondrostoma genus (Teleostean, Cyprinidae) Journal of Heredity n.94: pp. 315-328

Grimaldi, E., Polli, B. (1997), Lago Maggiore e Lago di Lugano. Ricerche sulla acque Italo Svizzere nel quadriennio 1992-1995. Commissione Italo-Svizzera per la Pesca n.2: pp. 83

Lorenzoni, M., Ghetti, L., Carosi, A., Dolciami, R. (2010), La fauna ittica e i corsi d'acqua dell'Umbria. Sintesi delle Carte Ittiche regionali dal 1986 al 2009 Petruzzi Editore, Perugia pp. 288

Maier, K.J., Zeh, M., Ortlepp, J., Zbinden, S. (1995), Distribution et reproduction des espèces du genre Chondrostoma en Suisse: le nase (C. nasus), la sofie (C. toxostoma) et la savetta (C. soetta). In: Information concernant la pêche, No 53. Office fédéral de l'environnement, des forêts et du paysage., Bern, Switzerland.

Povz, M. (2002), Status of the freshwater fishes and lampreys in Slovenia. In: M.J. Collares-Pereira, I.G. Cowx & M.M. Coelho (eds). Conservation of Freshwater Fishes: Options for the Future.Fishing News Books, Oxford, U.K. pp. 45-54

Puzzi, C.M., Trasforini, S., Sartorelli, M., Barenghi, B., Zilio, A. (2001), Lake of Lugano: lymnological features and fish community analysis, with particular care of two allocthonous species, pike-perch (Stizosteidon lucioperca) and roach (Rutilus rutilus). Quaderni ETP n.30: pp. 39-48

Sarrocco, S., Maio, G., Celauro, D. e Tancioni, L. (eds) (2012), Carta della biodiversità ittica delle acque correnti del Lazio. Analisi della fauna ittica. Regione Lazio, Assessorato all'Ambiente e Sviluppo Sostenibile – Agenzia Regionale Parchi.

Turin, P., Zanetti, M. (2001), Quali.quantitative evolution of freshwater fish populations in Rovigo Province (Veneto Region, NE Italy). Quaderni ETP n.30: pp. 23-26

Zeh, M., Ortlepp, J. (1996), Spawning grounds of Chondrostoma soetta Bonaparte, 1840 (Cyprinidae) in southern Switzerland. In: A. Kirchhofer & D. Hefti (eds). Conservation of Endangered Freshwater Fish in Europe.Birkhäuser Verlag, Basel, Switzerland. pp. 299304


Cerca nella Lista Rossa:
(genere, specie o nome comune...)