WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Aiptasia mutabilis


Non ApplicabileCarente di DatiLCQuasi MinacciataVulnerabileIn PericoloIn Pericolo CriticoEstinta nella RegioneEstinta in Ambiente SelvaticoEstinta

Tassonomia

RegnoPhylumClasseOrdineFamiglia
ANIMALIACNIDARIAANTHOZOAACTINIARIAAIPTASIIDAE

Nome scientificoAiptasia mutabilis
Descrittore(Gravenhorts, 1831)

Informazioni sulla valutazione

Categoria e criteri
della Lista Rossa
Minor Preoccupazione (LC)
Anno di pubblicazione 2014
AutoriMarzia Bo, Carlo Cerrano, Giuseppe Corriero, Giorgio Bavestrello, Eva Salvati, Roberto Sandulli
RevisoriLeonardo Tunesi
CompilatoriEva Salvati, Marzia Bo, Carlo Rondinini, Alessia Battistoni, Corrado Teofili
RazionaleLa specie è distribuita lungo tutte le coste dei mari italiani, non vi sono al momento dati che possano quantificare eventuali declini e pertanto è valutata a Minor Preoccupazione (LC).

Areale Geografico

DistribuzioneSpecie segnalata in Mar Ligure, Basso Tirreno, Adriatico.

Popolazione

PopolazioneSpecie localmente comune.
Tendenza della popolazioneStabile

Habitat ed Ecologia

Habitat ed EcologiaVive in anfratti di pareti rocciose e di coralligeno. Più raramente sotto ciottoli o fra rizomi di Posidonia oceanica. I sessi sono separati, con riproduzione estiva. femmine ovipare. Comune anche la riproduzione asessuata.
AmbienteMarino
Profondità
(metri sotto il livello del mare)
Min: 1 m
Max: 30 m


Minacce

Principali minacceNessuna informazione a disposizione per questa specie

Misure di conservazione

Misure di conservazioneLa specie dovrebbe giovare delle misure di protezione richieste dall'intero ambiente coralligeno.

Bibliografia

Andres, A. (1884), Le attinie: monografia. Wilhelm Engelmann.

Betti, F. (2013), Fiori Sott'acqua – Gli antozoi dell'Area Marina Protetta "Isola di Bergeggi". Editoriale Darsena Savona pp. 1-112

Cebrián Pujol, E., & Ballesteros i Segarra, E. (2003), Zonation patterns of benthic communities in an upwelling area from de western Mediterranean (La Herradura, Alboran Sea). Scientia Marina pp. 69-84

Cihangir, H. A., Pancucci-Papadopoulou, M. A., & Yilmaz, E. C. (2011), First record of Aiptasia mutabilis (Cnidaria: Anthozoa) from Turkish seas. Turkish Journal of Zoology n.(3) pp. 447-450

Diawara, M., Zouari-Tlig, S., Rabaoui, L., & Ben Hassine, O. K (2008), Impact of management on the diversity of macrobenthic communities in Tunis north lagoon: systematics. Cahiers de Biologie Marine n.(1) pp. 1-16

Fautin, D. G., Zelenchuk, T., & Raveendran, D. (2007), Genera of orders Actiniaria and Corallimorpharia (Cnidaria, Anthozoa, Hexacorallia), and their type species. Zootaxa pp. 183-244

Fraschetti, S., Bianchi, C. N., Terlizzi, A., Fanelli, G., Morri, C., & Boero, F (2001), Spatial variability and human disturbance in shallow subtidal hard substrate assemblages: a regional approach. Marine Ecology Progress Series pp. 1-12

Ocaæa, O., Nfflæez, J., & Bacallado, J. J. (1994), Descriptive study of Aiptasia mutabilis (Gravenhorst, 1831)(Anthozoa: Actiniaria) in the Canary Islands. Bol Mus Munic Funcha n.(255) pp. 145-157


Cerca nella Lista Rossa:
(genere, specie o nome comune...)